Guida ai prodotti chimici per piscina

Che si tratti di una piscina interrata o di una piscina fuori terra, il controllo delle acque risulta unaprocedura necessaria alla sicurezza dell’esperienza balneare. Ecco perché in questa guida ti forniamo tutto quello che hai bisogno di sapere sui prodotti chimici regolarmente utilizzati per il trattamento dell’acqua.

Prodotti chimici per piscina: trattamento anti alghe

Il trattamento antialga dovrebbe essere effettuato all’inizio di ogni stagione, e poi periodicamente una volta ogni  15 giorni in base ai valori ricavati dalle misurazioni attraverso gli appositi tester.

La formazione delle alghe è dovuta a una serie di fattori che ne favoriscono la nascita e la proliferazione, come ad esempio temperature troppo elevante, un pH alto, clorazione insufficiente oppure la presenza di nitrati nell’acqua. Per garantire alla piscina la sua massima pulizia, dunque, diviene fondamentale verificante con frequenza il pH e il valore del cloro libero – così da correggere immediatamente eventuali imprecisioni.

Le alghe, ricorda, possono manifestarsi sotto diverse forme, e devi imparare a riconoscerle tempestivamente. Più spesso sono attaccate sul fondo o alle pareti proprio là dove la circolazione dell’acqua è meno potente. Tuttavia, può capitare che l’alga rimanga in sospensione sul pelo dell’acqua. Le alghe variano di colorazione: quelle verdi, di norma, sono più facili da rimuovere, mentre quelle nere richiedono un antialghe più potente ed efficace.

Ricordati di introdurre il prodotto nello skimmer a impianto attivo, oppure nella vasca di compenso per le piscine a sfioro.

Prodotti chimici per piscina: correttori del pH

Il pH della piscina va costantemente controllato e monitorato. Il suo valore dovrebbe sempre essere compreso tra 7.0 e 7.6. In caso di valore inferiore, l’acqua è acida, e il suo pH dovrebbe essere aumentato

attraverso l’utilizzo di una sostanza chimica apposita. Se invece il pH è troppo alto, l’acqua allora è basica.

L’acqua basica rende poco attivo il cloro e favorisce lo sviluppo di alghe e batteri. Generalmente, il pH dell’acqua della piscina tende ad aumentare nel tempo. Utilizza i tester per verificare con frequenza

giornaliera lo stato dell’acqua (salvo per le piscine pubbliche).

Prodotti chimici per piscina: cloro

Il cloro, o meglio, il trattamento di clorazione, si introduce in piscina attraverso l’Acido Tricloroisocianurico, solitamente disponibile in commercio in forma di pastiglie da 200 grammi, per dissolutori a lambimento, e da 500 grammi per le piscine con lo skimmer.

Il potere clorante di una pastiglia da 200 grammi è di circa 20m 2 , è sempre raccomandabile far filtrare l'acqua nelle ore diurne, inoltre si raccomanda la filtrazione completa del volume d'acqua almeno due volte al giorno. La pastiglia avrà una durata di alcuni giorni. In condizioni normali, una piscina dovrebbe mantenersi tra i 0.6 ÷ 1.50 ppm. Ricordati sempre di garantire l’equilibro dell’acqua prima di procedere alla sua clorazione.

Sebbene il cloro sia un prodotto sanificante fondamentale, può darsi che tu sia allergico, oppure che desideri una alternativa. Tra le possibili alternative, ti consigliamo di comprare l’ipoclorito di sodio,

l’ipoclorito di calcio, l’elettrolisi al sale o il bromo. Le scelte sono molteplici e ognuna di esse presenta una serie di vantaggi e svantaggi da tenere in considerazione in fase di scelta del sanificante per la tua piscina.

Prodotti chimici per piscina: floccuranti

La floccurazione, in quanto coadiuvante della filtrazione, si effettua per eliminare dall’acqua tutti quei corpuscoli microscopici che fanno diventare torbida l’acqua. Con il contatto con l’acqua, il floccurante si

idrata e aumenta il proprio volume, legandosi alle particelle che si depositano sul letto di sabbia del filtro e ne aumentano il potere di assorbimento delle impurità. I migliori floccuranti lavorano al massimo delle loro potenzialità quando il pH pari circa a 7. La quantità di prodotto da utilizzare varia in base al brand selezionato e alle indicazioni presenti sulla confezione.

Tutti questi prodotti concorrono alla sanificazione della piscina e, mediante l’utilizzo di kit di analisi delle acque, ti permettono di tenere sotto controllo i valori fondamentali dell’acqua.

Prodotti chimici per piscina: svernanti

Lo svernante è un prodotto ottimale per la conservazione dell’acqua della piscina durante lunghi periodi di inattività. Viene generalmente chiamato così perché si utilizza nel periodo invernale, e aiuta a combattere

alghe e batteri, svolgendo inoltre un’importante funzione antigelo.

Domenica Lunedi Martedì Mercoledì Giovedi Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo Aprile Può Giugno luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre